Notizie

Non solo velutina: il calabrone orientale a Genova

Genova, al limitare della zona rossa della velutina, ha le antenne alzate per l’arrivo del calabrone asiatico. Ma quello trovato da Andrea Valle – lavoratore portuale e apicoltore hobbista di ALPA Miele (Associazione Ligure Produttori Apistici Miele) – non era un esemplare di velutina: si trattava invece di un adulto di calabrone orientale, vespa tipica del sud Italia e grande divoratrice di api.

L’avvistamento è avvenuto nella mattinata del 13 maggio e la correttezza della specie, dopo un primo riconoscimento da parte dei tecnici di ALPA Miele, è stata confermata anche dagli entomologi di StopVelutina e del progetto Life STOPVESPA.

Il calabrone orientale (Vespa orientalis) è un predatore generalista particolarmente vorace nei confronti dell’ape. In Italia meridionale e in Sicilia attacca gli alveari da luglio a settembre, sterminando intere famiglie e, a volte, interi apiari. Per tal motivo il suo arrivo in Liguria, già colpita dall’arrivo della velutina, desta preoccupazione. L’arrivo di questo esemplare in un’area portuale fa comunque propendere per un suo trasporto passivo avvenuto attraverso la movimentazione di merci e di materiale di vario genere. La speranza è che tale esemplare non abbia nidificato in Liguria.

La notizia conferma comunque che le campagne informative e i relativi sistemi di monitoraggio contro la velutina, realizzati anche con la collaborazione della Regione Liguria. hanno alzato efficacemente il livello di guardia, dimostrandosi utili ad intercettare e identificare rapidamente anche questo singolo esemplare di Vespa orientalis.

Si ribadisce comunque di installare le bottiglie-trappola anti-vespa, per monitorarne l’eventuale presenza in Liguria anche di questo nuovo predatore. Qualora venisse trovato un insetto sospetto, per aiutare l’identificazione, è necessario fotografare gli esemplari ed eventualmente conservarli in freezer per successive verifiche da parte degli scienziati.